Rio Lerone

Si tratta di una vera e propria randonnèe aquatique nella splendida Val Lerone alle spalle di Arenzano. L'unico ostacolo degno di nota è costituito da due tuffi di circa 6 metri e una disarrampicata di 9 metri, non attrezzati. Percorso piacevolissimo a primavera, per la presenza di bellissimi laghetti cristallini.

Difficoltà: v2 a3 III
Periodo: primavera e autunno
Lunghezza: circa 3 km
Dislivello: 360 metri (460-100)
Calate: 3, calata più alta 10 metri
Ancoraggi: inesistenti - 2014
Tempi: 1h 30' avvicinamento + 2h 30' + 30' rientro
Navetta: 0 km
Materiale: 1 corda da 30 metri per effettuare armi umani

Accesso: all'uscita di Arenzano dell'autostrada A10 Genova - Ventimiglia si raggiunge la SS1 Aurelia e si gira a destra verso Cogoleto; dopo pochi metri si svolta ancora a destra seguendo le indicazioni per Terralba. Giunti a Terralba si prende Via Pecorara che sale prima ripida verso sinistra e poi continua in pianura e leggera discesa verso ovest. Attraversato il Rio Lissola si devia in Via Chechelli che sale sulla destra, arrivando dopo circa 700 metri ad uno spiazzo erboso sulla sinistra con un cartello che invita al parcheggio.

Avvicinamento: dallo slargo si continua lungo la strada che, svoltando verso sinistra, scende ripidamente verso valle e raggiunge il primo tornante verso sinistra, a 200 metri circa dal parcheggio, da dove si prende un sentierino che in pochi secondi scende ad una comoda e pianeggiante mulattiera segnata. Si prosegue sulla mulattiera per circa 20 minuti, fino ad incontrare il Ponte Negrone che scavalca il Rio Lerone, a quota 180 circa. Poco prima del ponte sale un sentiero abbastanza ripido verso il Riparo Cianella - Passo della Gava. Giunti al bivio successivo si prende a sinistra, su un sentiero che presto diventa semi artificiale (marcato con una C2 in campo bianco rosso) che segue i tubi (sottoterra) dell'acquedotto. Siete ormai in fondo alla valle, in corrispondenza di una passerella in ferro e cemento (Ponte Isabella). Da qui si scende nel greto passando per la presa che prosciuga il Rio della Gava di Ponente.

Rientro: dal ponte in legno che segna la fine del percorso si risale in riva sinistra per tornare sul sentiero pianeggiante percorso all'inizio dell'avvicinamento.

Note:
1. percorso concatenabile con Rio Leone o Rio della Gava di Ponente;
2. secondo certa cartografia fino al Ponte Negrone siamo nella parte bassa del Rio Leone, ed il Rio Lerone comincia alla confluenza col Rio Negrone.

Copyright © Cica Rude Clan.